martedì 23 gennaio 2018

Il ferro

Buongiorno a tutti, oggi vorrei parlarvi un po' del ferro.

Il ferro è un prezioso metallo per il nostro organismo, e la sua carenza provoca, come sappiamo, anemia, con una sintomatologia che va dalla stanchezza alla difficoltà di concentrazione a una maggiore facilità a contrarre infezioni
Del ferro che assumiamo con l'alimentazione, solo il 5-10% viene assorbito e la sua biodisponibilità è legata a molti fattori, tra cui l'acidità dello stomaco, che solubilizza il ferro e lo rende così pronto per essere assorbito. Il processo si completa nell'intestino tenue. Una carenza di ferro può essere quindi dovuta a cattiva capacità di assorbimento, quindi ad un transito intestinale più accelerato o ad antiacidi assunti che diminuiscono la funzionalità dello stomaco. Naturalmente anche altri fattori possono essere causa di carenza di ferro: emorragie, gravidanze ripetute, dieta inadeguata.
L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) afferrma che sono un miliardo e 600 milioni le persone a rischio per le conseguenze di questa carenza, di questi 700 milioni sono già malati di anemia.

L'anemia colpisce anche i non vegetariani, per cui l'idea di mangiare carne per prevenirla non è poi così corretta. Io stessa, prima di smettere di mangiare la carne, avevo i livelli di emoglobina bassi (secondo la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è da ritenersi anemico chi ha meno di 12 grammi di emoglobina ogni decilitro di sangue: se l’emoglobina è compresa tra 10 e 12 grammi si parla di anemia lieve, fra 8 e 10 di anemia moderata e con meno di 8 severa, o grave); la cosa che può sembrare sorprendente è che tutto è rientrato nella normalità, ovvero quei valori sono aumentati, solo dopo che ho smesso di consumarla!
Ma ecco qui una sintesi di cosa utilizzare per potenziare l'assorbimento di questo prezioso metallo (per esempio condire con del succo di limone o consumare delle fresche spremute di agrumi) e cosa invece limitare, tratto dal mio libro Cucina vegana e metodo Kousmine:

Ma quali sono le fonti vegan in cui possiamo trovarlo? Ecco qui una TOP TEN, scritta in ordine decrescente:
  1. Soia cotta (o sotto forma di germoglio)
  2. Lenticchie
  3. Tofu
  4. Quinoa
  5. Fagioli
  6. Ceci
  7. Tempeh
  8. Spinaci
  9. Tahin
  10. Uva passa

Quindi, inseriamo questi alimenti nella nostra dieta, associati a alimenti che rientrano tra i facilitatori del suo assorbimento.


Buona giornata!

Ti potrebbero anche interessare:
Il Calcio: dove trovarlo e quali sono i suoi sottrattori

Ma dove prendono le proteine i vegani?












http://www.tecnichenuove.com/libri/cucina-vegana-e-metodo-kousmine.html?acc=6512bd43d9caa6e02c990b0a82652dca

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto l'articolo, lascia un commento

Cucina vegana e metodo Kousmine

Cucina vegana e metodo Kousmine
Cibo sano, naturale e gustoso. Con tante ricette!

Esci di testa... entra nel cuore

Esci di testa... entra nel cuore
Prendi la via del Risveglio e realizza te stesso

Dimagrisci con la Psicoalimentazione

Dimagrisci con la Psicoalimentazione
Un percorso in 7 passi per ritrovare l'equilibrio perduto

Donne sOle - Il libro

Donne sOle - Il libro
Per ritrovare se stesse ed affermare la propria presenza nel mondo